Consulenza giuridica

 CONSULENZA GIURIDICA

D.ssa Valentina Rossi
PEDAGOGISTA
FAMILIARE »
D.ssa Valentina Rossi telefono 347 041 4973
Tutti,grandi o piccoli, possiamo avere dei momenti di difficoltà in cui abbiamo bisogno di avere una guida al nostro fianco…esattamente come un buon pilota può avere bisogno di un navigatore.
SOSTEGNO GENITORIALE
INTERVENTO EDUCATIVO
GIURIDICA »
D.ssa Valentina Rossi telefono 347 041 4973
Tutti,grandi o piccoli, possiamo avere dei momenti di difficoltà in cui abbiamo bisogno di avere una guida al nostro fianco…esattamente come un buon pilota può avere bisogno di un navigatore.
MEDIAZIONE FAMILIARE
SPAZIO PROTETTO
CTP (Consulente Tecnico di Parte)
SCOLASTICA »
D.ssa Valentina Rossi telefono 347 041 4973
Tutti,grandi o piccoli, possiamo avere dei momenti di difficoltà in cui abbiamo bisogno di avere una guida al nostro fianco…esattamente come un buon pilota può avere bisogno di un navigatore.
METODO DI STUDIO
TUTOR DSA BES
CONSULENTE SCOLASTICO


D.ssa Rossi pedagogista Studio Diapason Pavia APS

D.ssa Valentina Rossi
Telefono 347 041 4973 dottoressa.v.rossi@gmail.com

Il consulente pedagogico dell’ambito familiare e giuridico si occupa di dare sostegno al nucleo familiare. Soprattutto nelle fasi di criticità che colpiscono in particolare la relazione tra i due coniugi.

Inevitabilmente i disagi e le difficoltà sul piano relazionale tra i due adulti si ripercuotono sul clima in cui l’intero nucleo familiare vive. Inevitabilmente anche i figli si ritrovano come assorbiti da un vortice di cui faticano a capire le cause e le motivazioni. Vengono così travolti fino ad assumersi anche responsabilità che non li riguardano.

Il più delle volte i genitori sono talmente presi dalle loro incomprensioni, dai loro conflitti che non si accorgono nemmeno dei “danni” che queste loro dinamiche creano. Ecco perché un consulente può effettivamente diventare una figura importante.

La consulenza giuridica pedagogica contribuirà a far “aprire gli occhi”.

Ovvero tentare di migliorare la comunicazione tra di loro e dipanare il più possibile i conflitti.


Il consulente pedagogico, come soggetto terzo ed imparziale aiuta i due coniugi e genitori a uscire dalle dinamiche conflittuali che li vedono impegnati come coniugi. Li aiuterà a concentrarsi sugli interessi e i bisogni dei figli.

Primo di tutti il benessere psico-fisico, garantito in larga parte da un clima di rispetto, serenità e tranquillità nell’ambiente familiare.

Cosa fare quando non è più possibile lavorare sul superamento delle incomprensioni e sulla risoluzione dei conflitti?

Il consulente, in questo caso, supporterà la coppia nel prendere in considerazione la scelta della separazione.
Il tutto nell’ottica, attraverso la consulenza giuridica, di procedere verso una trasformazione della relazione da coppia di coniugi a coppia di genitori!!!

  • Molto spesso capita che nonostante la separazione i conflitti restano a farla da padroni e i due ex coniugi faticano comunque a gestire la situazione di genitorialità condivisa.

Il consulente affiancherà la coppia nell’esercizio del loro ruolo genitoriale sulla base di quanto stabilito dal giudice in sede di separazione.

  • Porrà l’attenzione verso gli interessi della prole per evitare conseguenze dannose.
  • Favorirà la cooperazione dei due adulti per il bene massimo dei propri figli.

E quando serve una consulenza giuridica in tribunale?

Il consulente pedagogico in ambito giuridico può inoltre intervenire come Consulente Tecnico di Parte nelle cause di separazione giudiziale. Laddove infatti un giudice va a nominare una CTU, il consulente pedagogico giuridico può  essere scelto per fornire gli elementi necessari ad una CTU.

Che cos’è la CTU?

La perizia che permette di valutare e decidere quale sia la soluzione migliore per i minori implicati in una situazione di separazione e altamente conflittuale. La CTU viene emessa grazie agli elementi forniti anche da un Consulente Tecnico di Parte

La sua funzione è quella di sostenere ed accompagnare la parte nell’iter delle perizie, aiutandola a rielaborare quanto emerge dai vari incontri, a lavorare sulle fragilità esistenti e potenziare le risorse da mettere in campo.

Il Consulente tecnico di parte (CTP) pur essendo “di parte” ha come obiettivo ultimo il massimo bene dei minori!