EPICONDILITE GOMITO DEL TENNISTA

osteopata d.ssa Leva Studio Diapason Pavia
Contatta l’osteopata d.ssa Leva »

L’epicondilite GOMITO DEL TENNISTA è un dolore localizzato all’epicondilo. L’infiammazione rende dolorosi, o quando è molto grave anche impossibili, alcuni movimenti semplici come ruotare la maniglia della porta, oppure versare da bere.
epicondilite gomito del tennista
L’epicondilo è un distretto anatomico che si trova all’altezza dell’articolazione del gomito. E’ facilmente individuabile portando il braccio a 90 gradi, piegando il gomito e ruotando la mano ponendo il palmo verso il basso. Molto spesso il problema parte da lontano, dalla periferia, e si trasmette in discesa fino al gomito. Crea uno stress meccanico sull’apparato legamentoso e sulle inserzioni tendinee epicondilari dei muscoli estensori delle dita e del carpo.

Questo provoca così dolori sul lato esterno del gomito e tale affezione prende il nome di epicondilite o gomito del tennista.

Questa patologia dovrebbe essere presa in carico a un’équipe di varie figure professionali ciascuna con un ruolo ben preciso e consequenziale alle altre. Il medico ortopedico per la diagnosi corretta e precoce; osteopata per il trattamento del dolore e dei compensi; fisioterapista per la rielaborazione dello schema di movimento.

In verità nella stragrande maggioranza dei casi il problema va ricercato in periferia.

Le parti più coinvolte generalmente in realtà sono:

il rachide cervicale,

il cingolo scapolare,

le coste

ma non sono escluse componenti viscerali e cranio sacrali.

Terapie antinfiammatorie o tutori ortopedici possono aiutare. In realtà finché persiste una disfunzione meccanica questo problema non riesce ad andare incontro a soluzioni stabili.

L’Osteopatia può rappresentare una soluzione ottimale. Essa infatti si preoccupa di ristabilire un equilibrio a livello dell’articolazione del gomito puntando al recupero della funzione. Il trattamento osteopatico permette in effetti una risoluzione del problema in maniera stabile e duratura.