Potenziamento del linguaggio


Potenziamento del linguaggio dell'età evolutiva d.ssa Musumeci Studio Diapason Pavia
Contatta la neuropsicomotricista d.ssa Roberta Musumeci »

La Comunicazione Aumentativa Alternativa é un valido strumento terapeutico che può sostenere e facilitare il potenziamento del linguaggio nel bambino.

 PRIMO COLLOQUIO GRATUITO

Un intervento di questo tipo va messo in atto il più precocemente possibile. 

Le strategie da utilizzare nell’ottica di un intervento riabilitativo, devono essere successive a un’attenta osservazione/valutazione.

E’ necessario tener conto della variabilità e della modificabilità della realtà che il bambino con bisogni comunicativi complessi si trova a vivere.

GLI STRUMENTI

È fondamentale identificare i punti di forza, i punti di debolezza e le risorse individuali da valorizzare, per orientarsi nella scelta delle caratteristiche degli strumenti di CAA più adatti da utilizzare per il caso specifico.

Gli strumenti a disposizione per effettuare un intervento di Comunicazione Aumentativa Alternativa sono molteplici e vanno quindi selezionati sulla base dei risultati ottenuti dalla valutazione.

I sistemi di CAA possono essere categorizzati in sistemi a bassa tecnologia e sistemi tecnologici.

La tecnologia semplice può essere uno strumento, unito all’esperienza e alla pratica, che facilita lo sviluppo della comunicazione e che successivamente pone le basi per lo sviluppo della comprensione verbale.

Uno dei più noti strumenti di CAA appartiene proprio ai sistemi a bassa tecnologia. Si tratta dei “sistemi simbolici” con i quali possono poi essere costruite strisce delle attività, tabelle a tema, libri su misura e libri di narrazione.

I sistemi ad alta tecnologia sono invece strumenti più complessi e richiedono maggiori competenze da parte dei partner comunicativi (fanno parte di questi sistemi ad esempio: i comunicatori portatili, i software comunicativi, i tablet, gli eye tracker).

SETTING NEURO PSICOMOTORIO

All’interno dell’intervento neuropsicomotorio, un setting personalizzato e dinamico supportato da strategie di CAA, permette di facilitare lo sviluppo del bambino. Promuove una maggiore autodeterminazione sia sul versante del comportamento che della comunicazione intenzionale, implementando le possibilità di partecipazione attiva nei contesti di vita del paziente.

Quando si parla di intervento di CAA, il ruolo della famiglia è centrale e di fondamentale importanza.

È infatti necessario che l’ambiente e i partner comunicativi che affiancano il bambino con bisogni comunicativi complessi siano estremamente accoglienti e informati, e aderiscano anch’essi alla CAA.

L’intervento di CAA non può infatti rimanere limitato alle poche ore di riabilitazione settimanali, ma deve toccare i vari ambiti della quotidianità del bambino.

IL POTENZIAMENTO DEL LINGUAGGIO, TRAMITE CAA, DEVE ESSERE UN INTERVENTO PRECOCE

L’intervento precoce è di fondamentale importanza in quanto permette di ridurre la probabilità che si presentino quelle che sono le possibili conseguenze connesse a un deficit comunicativo: problemi comportamentali dovuti all’impossibilità di comunicare ed esprimere i propri bisogni; problematiche linguistiche, ma anche problematiche cognitive, relazionali e sociali. Inoltre, al contrario di ciò che spesso erroneamente si presuppone, l’intervento precoce di Comunicazione Aumentativa Alternativa aumenta anche la possibilità di sviluppo del linguaggio verbale.