Le emozioni nei bambini e l’empatia

Consulenza pedagogica D.ssa Rossi Studio Diapason Pavia APS
Contatta la pedagogista d.ssa Rossi »

Una delle sfide più complesse per i genitori e gli educatori è EDUCARE ALLE EMOZIONI.

Vivere le emozioni dei bambini e l’empatia sono fondamentali per preparare i bambini a gestire correttamente la propria emotività. I bambini potranno usufruire del bagaglio interiore necessario per vivere al meglio e relazionarsi con gli altri in modo equilibrato e sereno.

Tocca agli adulti di riferimento riuscire a sottrarre i bambini a quell’analfabetismo emotivo che sta alla base di tanti comportamenti dannosi.

Non occorrono, per fare ciò, competenze speciali. Sarà necessario essere empatici per saper ascoltare e percepire le emozioni dei bambini ed il loro stato emotivo.

Si aiuterà, in questo modo, il bambino a fare chiarezza con decisione, fermezza e dolcezza.

Il bambino sta imparando a conoscere il mondo delle emozioni.

Se il bambino percepisce la tranquillità dell’adulto e lo sente empatico, si sentirà sicuro perché c’è chi è in grado di ascoltarlo.

Sentirà di avere affianco a sè  un adulto capace di padroneggiare la situazione e che può effettivamente aiutarlo.

Un adulto empatico è in grado di permettergli di imparare a conoscere e gestire le sue emozioni.

Sono infatti le interazioni dell’adulto, cioè cosa fa e cosa dice e come parla mentre il bambino sperimenta il suo stato emotivo, a fornirgli le competenze emotive. Le emozioni nei bambini e l’empatia andranno gradulamente a strutturarsi.

Il bambino impara a dare valore ai suoi stati emotivi, a dargli un nome, a comprenderne il significato e le modalità migliori per gestirli. Questo passo importante per la sua crescita gli permetterà di diventare capace di leggere le altrui emozioni e di rapportarvisi. 

Ricordiamoci che anche per il bambino è fondamentale imparare, crescendo, ad essere empatico.

In questo compito educativo è evidente l’importanza che ha la capacità dell’adulto di mantenere la calma. Non lasciarsi sregolare emotivamente dalla confusione o dal disagio che lo stato emotivo genera nel bambino i che il bambino genera in noi. Di fronte, per esempio, alla rabbia del bambino è fondamentale, per il bene del piccolo, essere noi adulti sufficientemente e strategicamente preparati a fronteggiare la situazione (leggi anche: Il bambino arrabbiato, come aiutarlo»)

Solo così il bambino percepirà l’adulto come base sicura con cui potersi esprimere. Il punto fermo nel quale trovare supporto per la ricerca di soluzioni e risposte possibili che andranno a formare un suo bagaglio di esperienze per le volte successive.

Inoltre bisogna tenere il più possibile presente che il bambino copia dal genitore, o comunque dall’adulto. Se l’adulto si altera o si spazientisce darà un esempio sbagliato di gestione e controllo degli stati emotivi. Le emozioni dei bambini e l’empatia sono, dunque, risorse fondamentali per una vita di qualità e per delle sane relazioni. L’empatia è, infatti, una risorsa importante non solo da far sviluppare nei bambini, ma anche da potenziare negli adulti.